Come apparecchiare la tavola per la vigilia di Natale e Capodanno?

Hai già pensato a come apparecchiare la tavola per la vigilia di Natale e Capodanno?

Senza dubbio, i cenoni di Natale e di San Silvestro sono le serate più importanti in quasi tutto il mondo. Pertanto, richiedono una certa pianificazione affinché gli ospiti siano soddisfatti e si confermino come nostri clienti affezionati.

Di seguito scopriremo alcune buone pratiche per organizzare al meglio gli eventi di fine anno. Lo faremo con l’ausilio del tovagliato monouso a tema Natale, disponibile sul nostro store online.

Apparecchiare la tavola per la vigilia di Natale e Capodanno

Prima di procedere è bene ribadire che, in questi casi, è sempre gradita la prenotazione, se non obbligatoria. In questo modo potrete organizzare gli spazi e il menu per un numero corretto di commensali.

Come abbiamo anticipato, eventi così importanti devono essere ben organizzati e non devono lasciare nulla al caso. Tutto dev’essere pianificato, anche gli imprevisti.

I tavoli

Nella maggior parte dei casi avremo a che fare con gruppi di oltre 2 persone. Dunque, a seconda del numero degli ospiti dovremo stabilire in anticipo quanti tavoli dedicare ad ogni singolo gruppo.

I cenoni sono sempre più lunghi, dunque le persone saranno portate ad alzarsi spesso e a spostarsi nella sala o all’esterno del locale. Per questo, tra i coperti dev’esserci una certa distanza, così come tra le sedie. Lo spazio tra i commensali dovrebbe essere di circa 65-70 cm, in modo che gli ospiti possano muoversi con comodità e disinvoltura.

Inoltre, anche i tavoli devono essere posizionati ad una certa distanza tra loro, in modo da garantire un transito fluido, sia agli ospiti che al personale di sala.

Sebbene non sia il più consigliato, in caso di difficoltà nel creare un’unica grande tavolata dedicata ad un gruppo, si può scegliere di posizionare separatamente un tavolo più piccolo per i bambini. Ma cerca sempre fare il possibile affinché tutti gli ospiti siano seduti a un unico tavolo, per poter condividere cibo e conversazione nello stesso spazio.

La tovaglia

Una volta sistemati i tavoli e calcolati gli spazi tra questi, è il momento di vestirli e decorarli.

L’elemento principale è la tovaglia, alla quale poi dovremo abbinare gli accessori, e i diversi ornamenti che lo decorano (centrotavola, candelieri, ecc.).

Le tavolate per grandi gruppi richiedono ampie tovaglie, ma ciò non è sempre possibile, dunque dovremo posizionarle in modo da sembrare un unico pezzo. Con le tovaglie di Natale monouso di MarioFood, non avrete il problema di sovrapporle, poiché i bordi sono piatti e non si creeranno dei gradini tra i giunti. Quindi, nessuna possibilità che si possano formare grinze che sfigurano e destabilizzano piatti, bicchieri e altri elementi.

Nel caso di eventi speciali, alla tavola si richiede anche una certa eleganza. Per cui, la tovaglia dovrebbe scendere ai lati per circa un terzo dal piano del tavolo al pavimento.

Per la decorazione della tovaglia, a Natale è abbastanza comune concedersi qualche licenza, purché contribuisca a creare l’atmosfera natalizia.

I tovaglioli

Meglio se sono coordinati con la tovaglia. Classicamente piegato, rettangolare o triangolare, e posizionato a destra del piatto o a sinistra di esso, se preferite. Si possono mettere anche sul piatto, ma non dovremmo metterli mai all’interno dei bicchieri. Essendo Natale possiamo anche concederci la licenza per fare delle piegature artistiche dei tovaglioli.

Come decorare la tavola del cenone

A seconda delle dimensioni della tavolata e del numero di coperti, possiamo calcolare lo spazio disponibile per la decorazione. Possiamo posizionare uno o più centrotavola, candelieri o qualsiasi altro tipo di decorazione.

Va tenuto presente che le decorazioni per la tavola non possono creare barriere tra i commensali, né ostacolare l’uso dei diversi elementi utili per pasto (salsiere, saliere, ecc.). Inoltre, non è opportuno posizionare composizioni con fiori ed altri elementi con un forte odore, poiché possono disturbare e persino distorcere l’olfatto del commensale e impedirgli di apprezzare l’aroma di cibi e bevande.

Come apparecchiare la tavola per la vigilia

Vediamo ora di posizionare gli elementi principali per un coperto: piatti, posate e bicchieri.

I piatti

  • Sottopiatto. Se presente, deve essere la base su cui posizionare gli altri piatti e non viene sostituito con l’alternarsi delle portate.
  • Piatto piano. Poggia sul sottopiatto.
  • Piatto fondo. Se presente, poggia sul piatto piano.
  • Piatto da antipasto. Più piccolo di dimensioni, può andare sopra il piatto fondo.

Se ci sono cibi con gusci, conchiglie o altri elementi di scarto, il piatto andrà cambiato tutte le volte che sarà necessario. Infatti, a Natale è molto tipico mangiare i crostacei, e questo fa sì che il piatto si riempia abbastanza facilmente.

Le posate

L’ordine delle posate è il seguente:

  • forchette a sinistra;
  • coltelli e cucchiai a destra.
  • posate da dessert posizionate sopra il piatto perpendicolarmente al resto delle posate.

L’ordine è quello di utilizzo, ovvero le posate che verranno usate per prime sono quelle più lontane dal piatto.

Le posate devono essere vicine, ma non dovrebbero toccarsi.

I bicchieri

La posizione dei bicchieri è a destra del piatto, leggermente in diagonale, quasi a creare un arco. L’ordine è il seguente:

  • Acqua. In alto a destra del piatto.
  • Vino rosso. A destra del bicchiere dell’acqua.
  • Vino bianco. A destra del bicchiere del vino rosso.
  • Flute. Il bicchiere per le bollicine va posizionato dietro i bicchieri sopra citati, tra il vino bianco e il rosso.

Il bicchiere dell’acqua e quelli del vino non devono essere tolti dalla tavola, neanche nel momento in cui serviamo un’altra bevanda alcolica. Se vogliamo togliere un bicchiere, dobbiamo sempre chiedere prima al commensale.

Oppure, quando andiamo a servire i liquori dopo pasto, contestualmente mettiamo a tavola anche i bicchieri appositi. In questo caso possiamo togliere i bicchieri del vino, ma non dell’acqua e i flute.

Conclusioni

Infine, qualche consiglio per rendere il locale più accogliente e il cenone più piacevole.

  • E’ bene avere una luce adeguata per la cena, non troppo tenue e non troppo luminosa. La luce migliore è quella indiretta e diffusa.
  • La temperatura del locale dovrebbe essere tra i 20 e i 22 gradi.
  • L’ambiente dovrebbe godere di una buona ventilazione e un’aria pulita. Se ci sono fumatori, possiamo chiedere loro di fumare in un luogo diverso da quello che fungerà da sala da pranzo.

Per concludere, un ultimo consiglio. Se vogliamo, possiamo avere una musica di sottofondo morbida durante il pasto, ma a un volume molto basso in modo che non disturbi le conversazioni dei commensali. Meglio evitare i canti natalizi tristi e ripetitivi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Solverwp- WordPress Theme and Plugin

0